L’arte contemporanea buddista partendo dalle proprie radici rivisita la sua storia per proporre delle opere interessanti che catturano l’attenzione.

Tenzin Rigdol l’autore di “Updating Yamantaka” in questo acquerello stratificato in una sorta di collage con inserti incrociati di immagini tradizionali, pezzi di testi sacri, strisce di design tessile tradizionale ci mostra una moderna rielaborazione del Signore della Morte (Yamantaka).

Come nella tradizione il personaggio principale Yamantaka è raffigurato al centro della scena, accompagnato da una figura femminile la compagna Vatali o sua sorella Yami, a cavallo del Bufalo.
Il bufalo simboleggia la morte, quindi è l’emblema della stessa divinità, ma nello stesso tempo indica ciò che muore e si dissolve sintetizzando in una sola forma l’identità del distrutto e del distruttore.

La struttura dell’opera è ispirata alla più antica tradizione eccettuato per l’anonimo essere umano schiacciato dal Bufalo in cui si riconosce il personaggio di Osama Bin Laden uno degli uomini più ricercati della terra nel periodo di realizzazione di questo acquerello.

Con quest’opera l’artista Tenizn Rigdol intende sottolineare il potere della morte e della distruzione su tutte le forme di vita e inserendo il riferimento al terrorismo globale applica il millenario concetto di Yamantaka al mondo moderno.

L’opera è stata esposta in occasione di una mostra collettiva nel 2010 al Rubin Museum di New York.

Condividi sui social