Il mandala e’ uno strumento capace di influire sul benessere globale di una persona grazie alla sua forma circolare accogliente e antichissima. E’ un’espressione artistica ma nello stesso tempo un potente mezzo di rigenerazione psicologica e per questo e’ usato nella meditazione e nelle medicine tradizionali in cui lo stato di buona salute di una persona e’ misurato con il benessere generale che dipende dall’equilirio di mente, corpo e spirito.
La sua forma circolare e la presenza di un centro (al quale arrivare o da cui partire) sono il simbolo della presenza dell’uomo nell’universo. E il mandala offre a ciascuno la possibilita’ di portare l’ordine e l’armonia in questa illustrazione del cosmo secondo la propria personale visione. Stimola la creativita’ e libera energie positive che influiscono beneficamente sulla psiche della persona. E’ stato notato in piu’ occasioni che durante la colorazione di un mandala l’atmosfera si rilassa e la concentrazione aumenta in maniera naturale e senza sforzi. L’azione del colorare ogni singola parte del Mandala costituisce l’attivita’ principale con cui ciascuno si puo’ misurare senza preconcetti e senza ansie. E questo aspetto fa del mandala uno strumento didattico molto utile anche nelle scuole, specialmente dove sono presenti studenti affetti da disturbi della concentrazione.

La pratica del mandala ha radici antiche e puo’ essere portata avanti da chiunque con grande beneficio. Poiche’ muove energie profonde e’ necessario rispettare una certa ritualita’ e avere la consapevolezza di non essere psicoterapeuti. Il mandala ha un valore universale e puo’ essere interpretato in tanti modi quante sono le persone, le storie personali, gli stati d’animo e le esperienze emotive… ma i migliori interpreti siamo noi stessi.

Prima di iniziare a colorarlo non e’ necessario organizzare una veglia come quella dei monaci tibetani, e nemmeno programmare una cerimonia curativa come quella dei Navajo (dura in genere nove notti e rischieremmo di far innervosire i nostri vicini di casa con le nenie e gli incensi!) pero’ dall’osservazione di questi riti si possono ereditare e rielaborare alcuni suggerimenti e alcuni principi per adattarli al nostro presente.

L’immergerci nel mandala ci consente di ritrovare l’unione primordiale con la natura e con gli elementi che la compongono, che fanno parte del nostro essere e che spesso lamentiamo di aver perso nella vita quotidiana.

Che cosa fare:

  • Cerchiamo dunque un angolo della casa o di un giardino tranquillo e curiamoci di avvertire il resto degli abitanti che non vogliamo essere disturbati per almeno un’ora (nel caso di figli piccoli si puo’ sempre decidere di mandarli dalla nonna che si potra’ godere e viziare i nipotini senza il vostro controllo… sulle conseguenze dei bambini viziati poi si ragionera’, ma intanto vi siete liberati per un’oretta; i figli grandi dovrebbero capire da se’ visto che tutti teniamo ad avere un po’ di privacy; idem i genitori… a limite proponete un mandala di gruppo: e’ molto efficace ma chiamate anche un facilitatore!!!)
  • Se amiamo i profumi possiamo approfittare dell’occasione per accendere incensi, essenze e distribuire tutt’intorno spezie in grani e rametti di erbe aromatiche
  • A volte il silenzio e’ molto assordante, cosi’ magari e’ piu’ facile rilassarsi e trovare una diversa concentrazione con una musica piacevole
  • La luce ed i colori influiscono piu’ o meno direttamente sul nostro umore: sarebbe buona norma seguire il nostro istinto sull’accensione o meno delle luci, delle candele e sull’abbigliamento. Fidiamoci dell’istinto, ci guidera’ nel percorso.

Siamo dunque pronti per iniziare: raccogliamoci qualche istante e cerchiamo di calmare la mente. Non esiste una tecnica unica: il respiro profondo, lo yoga, chiudere gli occhi o recitare un mantra sono tutte ugualmente valide. Lo scopo e’ estraniarsi per qualche momento dalla rutilante e incessante attivita’ razionale ed entrare nello spazio dell’anima.

Fatto questo, via libera al viaggio nel mandala che si colorera’ come meglio crediamo e con le tecniche che vogliamo senza limiti e senza restrizioni per la nostra creativita’ ed immaginazione.

Un ultimo punto. Il mandala non mente. Lasciate fluire il vostro istinto e la vostra attivita’ sara’ piacevole, non ricercate la perfezione perche’ ogni mandala in se’ e’ perfetto se compiuto con autenticita’. Non insistete con un colore se sentite un certo disagio e qualora questo capiti chiedetevi perche’ ma assecondate il vostro estro e sarete molto piu’ sereni e divertiti. Perche’ il Mandala e’ anche gioco.

Qui di seguito una selezione di alcuni mandala che potrete scaricare, stampare e riempire di colori piu’ e piu’ volte stupendovi nello scoprire che per quanto vi impegniate non riuscirete a farne due uguali!!!!

Altri disegni da scaricare puoi trovarli digitando le tag “mandala da colorare” o “coloring mandala” nel box a sinistra

Testo originale www.mandalaweb.info, dicembre 2008

http://www.mandalaweb.info/materiali/materiali-scaricabili-1

 

Condividi sui social
error