Tutto quello che hai sempre voluto è dall’altro lato della paura. 

George Addair

 

Quante volte rimandiamo di fare qualcosa, di cambiare aspetti della nostra vita e rimaniamo ancorati alle nostre abitudini, ai nostri diasagi, alla monotonia, solo per non dover affrontare la paura. Guardiamo l’ignoto, ci preoccupiamo delle reazioni di chi ci ama, dell’opinione degli altri, temiamo di perdere il nostro fragile e limitato equilibrio e con il risultato di rimanere bloccati. Fermi. L’immobilità, però, non è naturale, anzi. La vita è energia, crescita e cambiamento. È un richiamo fortissimo verso l’evoluzione. È amore. Allora è necessario riconoscere le nostre paure per vivere in maniera sana. Perchè la paura è un sentimento utile, che ci spinge ad agire, fuggire di fronte al pericolo per esempio, ma quando ci blocca contribuisce alla nostra sofferenza e genera dolore e sofferenza.

I più grandi malesseri che viviamo sono quelli legati all’impulso del cambiamento che si scontra con la paura dello stesso. Solo guardando la realtà in cui viviamo, ponendoci alcune domande chiare, trovare le risposte possiamo superare la fase di stallo e superarla andando verso nuovi equilibri e nuove fasi di vita.

Ci vediamo a Bologna il 12 e il 14 aprile per continuare a parlare di questo e molto altro, cerca su questo link eventi … vi aspetto!

Image: Dominique Hurley, “Law of cause and effect” 

Condividi sui social
error