All’Eco City World Summit del 2008 e’ stata presentata  dall’urbanista e architetto Lalit Bhati una citta’ mandala.

La citta’ si chiama Auroville (citta’ dell’Aurora), e si trova nell’India del Sud nella zona di Pondicherry rinomata per essere stata fondata da Shri Aurobindo e da Madre, figure leggendarie nelle discipline e nella meditazione orientali.

La citta’ e’ stata presentata come la citta’ del futuro. I suoi quartieri costruiti lungo la sua forma a spirale  dal centro verso la periferia con andamento sinuoso e morbido hanno l’obiettivo di portare maggiore senso di armonia e pace nella convivenza tra le persone.

Auroville rappresenta un esempio di città mandalica fin dal suo concepimento non solo per la sua forma geometrica che ricorda una spirale, fonte dell’energia  creativa, è una città della pace. Al suo centro si trova il Matrimandir, luogo di preghiera, è costituito da una enorme sfera dorata intorno alla quale si estendono i giardini. Per arrivarci si compie un percorso disseminato dei simboli del percorso dei fiori, dei colori e dei sentimenti inventato da Madre,  l’accesso non è libero ma per chi arriva ad Auroville, più importante è il viaggio, il percorso che corrisponde ad un cammino interiore e non l’arrivo. Auroville si può visitare, si può vivere e il ricordo di questo passaggio rimane nel cuore per sempre.

Maggiori informazioni sul sito: http://www.auroville.org

Questa riflessione è aggiornata e rivista, l’originale si trova su mandalaweb.info con il titolo :  Il mandala trova nell’urbanistica moderna una nuova forma espressiva

Condividi sui social
error