Ogni tanto mi imbatto in qualche opera contemporanea che richiama un mandala, mi incuriosisce andare a vedere chi e’ l’autore. In questo caso si tratta di mandala creati da un artista e insegnante americano: David Adey e’ una di quelle persone capaci di sperimentare in ogni modo e ogni forma.

I mandala di queste immagini rimandano l’elaborazione di un fiore, il rosone rayonnante, che ricorda molto quelli di Strasburgo o Orvieto, un sole radiante. Tutti simboli e forme mandaliche.

I suoi lavori sono creati con pezzi di carta, di ritagli di giornale, pazientemente e sapientemente accostati gli uni agli altri, secondo la gradazione del colore, in modo da riflettere la luce artificiale con variazioni di luminosità e i giochi di ombre.

I pezzi di carta usati da Adey sono sono immagini di moda e celebrità raccolti con un motore di ricerca online da varie fonti, stampati e ritagliati a forma di cuore,  vengono attaccati con delle spille su una base di schiuma. Le sue opere rappresentano visioni della realtà e creazioni  immaginarie che partono da un dato della realtà e lo trasformano, lo modificano in qualcosa di nuovo.  

L’effetto, leggero e mobile, talvolta imprevisto, rivela una profonda riflessione sul processo di distruzione e ricostruzione, di recupero e di interpretazione degli oggetti, delle immagini e della realtà intera.  Come nel mandala le immagini si trasformano nella mente del meditante prendendo vita e riflettendo la sua connessione con l’Univesto spirituale oltre che fisico.

Le immagini radianti, che dal centro portano alla periferia e dall’esterno al centro in un continuo spostamento della visione e dell’esperienza di chi osserva le sue opere sono l’esempio di un contemporaneo tentativo di ricomporre con metodica pazienza, come in una meditazione le forme e la realtà. Proprio come accande in un mandala quando dal particolare si ricostruisce la totalità nella quale riconoscersi e ricrearsi. 

Info sull’autore:

http://www.davidadey.com/

Fonte originale: Mandalaweb.info – https://sites.google.com/a/mandalaweb.info/web/approfondimenti/news/mandalaeartecontemporaneadavidadey

Condividi sui social